I politici che hanno dato vita all’Italia

Il 17 marzo 1861 venne proclamato il Regno d’Italia: è con questa data che si festeggia la Nazione unita, che per quasi un secolo (fino al 1946) venne impostata come una monarchia costituzionale basata sullo Statuto Albertino. Sono stati diversi i politici che hanno dato vita all’Italia, ma forse è bene focalizzarsi sui protagonisti che hanno reso possibile l’unificazione italiana. Partendo ovviamente dal re: il primo monarca d’Italia è Vittorio Emanuele II, già Re di Sardegna, che rimase in carica fino al 1878. Quali erano i compiti del Re? Sostanzialmente a lui spettava la nomina del governo, responsabile di fronte al sovrano e non al parlamento. Il Re aveva anche competenze in politica estera e nella scelta di alcuni ministri (ad esempio quelli militari).

Il primo presidente del Consiglio del neonato Stato italiano fu Camillo Benso, Conte di Cavour, che in pratica morì ricoprendo tale carica proprio nel 1861: fece dunque appena in tempo a vedere l’Italia unita. Fu assoluto protagonista del periodo risorgimentale, e nonostante non avesse in mente un disegno di unificazione del territorio, fu grazie alla sua sapiente gestione degli eventi (soprattutto le varie sommosse di quel periodo) a permettere – insieme all’impresa dei Mille – di formare il Regno d’Italia.

Non proprio un politico per eccellenza, ma sicuramente una delle personalità più influenti fu proprio Giuseppe Garibaldi: è considerato il principale protagonista nazionale italiano, oltre che “L’eroe dei due mondi” per le sue imprese militari compiute in Europa e in America Meridionale. La sua impresa più celebre fu proprio la spedizione dei Mille, con cui riuscì ad annettere il Regno delle Due Sicilie al nascente Regno d’Italia.

Entrando più a contatto con gli ambienti della politica, un’altra figura di grande spicco fu senza dubbio Urbano Rattazzi, uomo di fiducia di Vittorio Emanuele II e terzo Presidente del Consiglio dei Ministri dopo la morte di Cavour e le dimissioni di Bettino Ricasoli. Tuttavia la sua esperienza nelle vetta della politica italiana durò poco.

Tra i politici che hanno dato vita all’Italia non possiamo poi dimenticare il generale La Marmora, che fu più volte presidente del Consiglio nel Regno di Sardegna e poi in quello d’Italia.